Via Venini 85
20127 Milano

Italy

T +39 02 35984554
info@dw-a.it

P. IVA: IT04455310963

You can find us on:
facebook / instagram

Subscribe to our mailing list:

Hacker

— 2019

HACKER is an articraft marble collection presented at Milano Design Week 2019 in the suggestive location of Alcova Popoli Uniti.

The project is born from the experience of DWA Design Studio and Manuel Coltri, for years in the working field of marble and natural stones.

The common research aimed to discover new interpretational paths of the articraft, mixing audacious craft techniques which gave life to unexpected aesthetic results.

Starting from the physical features of the marble and relying on the knowledge and ability of Manuel Coltri, the attempt was to hackering the classical manner to increase the potential of the material working with its discards.

Despite the hardness of the material, marble slabs are subjected to complex and articulated treatments: they are combined, cut, recomposed and sectioned again in a potentially never-ending process till the achievement of the perfect block, thanks to the unique and unrepeatable nature of each piece.

The marble typologies implied are the white marble of Carrara and the lava stone from the mountains of the centre of Italy, the rainbow and green onyxes from Persia and South America and the semi-precious South American blue lapis.

HACKER è una collezione di artefatti in marmo presentata in occasione della Milano Design Week 2019, presso Alcova in Via Popoli Uniti.

Il progetto HACKER nasce dall’unione di esperienza di DWA Design Studio e Manuel Coltri, da decenni nel settore della lavorazione di marmi e pietre naturali.

E’ stata avviata una ricerca per scoprire nuovi modi di interpretare i manufatti, arrivando a mescolare audaci tecniche artigiane, a seguito delle quali hanno preso vita inaspettate estetiche.

Affidandosi all’esperienza e all’abilità di Manuel Coltri e partendo dalle proprietà fisiche del marmo, si è cercato di “hackerare” la lavorazione classica, per espanderne le possibilità agendo sui relativi scarti, lastre altrimenti inutilizzate.

A dispetto della durezza del materiale, le lastre di marmo sono sottoposte a trattamenti complessi: vengono combinate, tagliate, ricomposte e ri-sezionate in un processo che potrebbe durare all’infinito, fino a ottenere il blocco perfetto, perchè irripetibile e diverso da quello successivo.

I marmi utilizzati sono il bianco di Carrara e la pietra lavica delle montagne dell’Italia centrale, gli onici arcobaleno e verde provenienti dalla Persia e dal Sudamerica e il semiprezioso lapis blu sudamericano.

05 03 04 01 02